Industria 4.0

Come tradurre la trasformazione digitale dell'industria in opportunità di crescita e competitività.

DyFlowing è una startup innovativa presente e certificata nel registro imprese della Camera di Commercio.
A questo link è possibile accedere alla pagina dedicata sul sito della Camera di Commercio.

Processi e benefici

L'espressione "Industria 4.0" indica un processo generato da trasformazioni tecnologiche nella progettazione, nella produzione e nella distribuzione di sistemi e prodotti manifatturieri, finalizzato alla produzione industriale automatizzata e interconnessa.
In particolare identifica un'organizzazione basata sulla digitalizzazione di tutte le fasi dei processi produttivi: un modello di "smart factory" del futuro, nella quale l'utilizzo delle tecnologie digitali permette di monitorare i processi fisici e assumere decisioni basate su gestione efficiente delle risorse, flessibilità, produttività e competitività dei sistemi, generando virtuose sinergie tra produzione e servizi.

Tecnologie abilitanti

La digitalizzazione dell'industria offre importanti benefici potenziali alle imprese: arricchisce l'offerta industriale di nuovi servizi "intelligenti", migliora l'efficienza tecnica ed energetica dei processi industriali, aumenta la flessibilità produttiva.
Le tecnologie 4.0 servono a prendere decisioni più rapide e precise, a permettere nuove forme di interazione uomo-macchina, a interconnettere l'intera catena del valore interna all'impresa e, potenzialmente, l'intera catena di fornitura.

Piano nazionale

La Legge di Bilancio 2020 nel prorogare gli incentivi destinati alle imprese che investono in innovazione 4.0 modifica gli strumenti attivabili in base all'attuale legislazione, introducendo diverse novità al testo originario del disegno di legge approvato dal Governo.
Resta l'impostazione che stimola gli investimenti ecologici e l'innovazione nelle PMI ed il credito d'imposta per l'acquisto di macchinari.